Forum

Le Regola: pensare prima di muovere.

lupodellasila

Pensare prima di muovere, una necessità che caratterizza il gioco degli scacchi, nell'attuale contesto è diventato un gesto inusuale.
Gli scacchi, lo sport della mente per eccellenza, sono al tempo stesso un gioco, una scienza, un'arte e un linguaggio universale in grado di unire il mondo e le generazioni, ma con essi si può fare questo e molto di più. La pratica del gioco degli scacchi può aiutare perché permette di:
>  educare alle regole e al senso sociale e di comunità;
> stimolare il pensiero e la libera espressione responsabile come valore in sé, al di là delle
    competenze scacchistiche acquisite;
> educare al piacere dell'impegno mentale;
> favorire il rispetto per gli altri, abituare ad accettare e ad affrontare le difficoltà quotidiane;
> favorire i rapporti tra i pari nel gruppo per la socializzazione e l'arricchimento personale;
> accrescere il senso critico ed autocritico;
> sviluppare gradualmente le capacità di analisi, valutazione, sintesi e organizzazione delle       attività e degli interessi personali.
> favorire l'integrazione della disabilità e delle diverse etnie.

Un invito alla riflessione.

          grazie

sangaudenzio

Grazie LupodellaSila, suggerimento prezioso (condivido tutti gli effetti positivi) che non sempre metto in atto, chissà perché ogni tanto muovo d'istinto, e spesso con danni irreparabili, mah!?

joetemerario

Anche se condivido, devo ammettere che, con questo articolo, lupodellasila sei fermo al secolo scorso, oggi il più veloce a pensare in modo corretto vince e su questo non c'è discussione. A tempo lungo si ha qualche chance in più ma gli scacchi sono cambiati negli ultimi 50 anni e il tempo lungo è la scusa di chi non riesce a pensare velocemente, me compreso, purtroppo

Warnefrit

Siamo in molti del secolo scorso

lupodellasila

@joetemerario evidentemente non hai capito il senso dell'articolo. Pensare prima di muovere è andare oltre il gioco, non interessa vincere; ma, essere consapevoli di cosa può e deve dare il gioco degli scacchi.

Blindsbury23
joetemerario ha scritto:

Anche se condivido, devo ammettere che, con questo articolo, lupodellasila sei fermo al secolo scorso, oggi il più veloce a pensare in modo corretto vince e su questo non c'è discussione. A tempo lungo si ha qualche chance in più ma gli scacchi sono cambiati negli ultimi 50 anni e il tempo lungo è la scusa di chi non riesce a pensare velocemente, me compreso, purtroppo

Da istruttore ti posso dire che se da una parte è vero quello che dici ("il più veloce a pensare in modo corretto vince") dall'altra devi pensare che soltanto giocando tornei a tempo lungo si acquisiscono le categorie nazionali (3N -> 2N -> 1N - CM - M) ed internazionali (CN - FM - IM - GM). Anche lo stesso titolo di Campione del Mondo si assegna dopo un match di partite a tempo lungo... Nessuno da grande importanza al Campione del Mondo rapid oppure blitz. 

In ogni caso l'essere veloci a pensare in modo corretto è un'abilità che ovviamente si può acquisire e migliore con il giusto allenamento 

Ragastas

@Blindsbury23  Bravo, condivido

cavaliereyedi

Grazie Lupo sempre consigli illuminati e illuminanti.

DirkFlasche

volevo condividere con voi il fatto che io sono addirittura del millennio scorsowink.png

cavaliereyedi

non sei solo Dirk

Marimadda0

Pensare prima di muovere insegna a pensare prima di parlare, pensare prima di agire. Subire le conseguenze delle proprie azioni ( hai mosso malamente? Perdi un pezzo) insegna il senso della responsabilità. Tutti i pezzi che si muovono per difendere il proprio re insegna il senso del gruppo che lavora solidale non ognuno per sé, ma ognuno per l'obiettivo  comune, anche sacrificandosi se necessario. I pezzi non sono appiccicati gli uni agli altri a caso, ma si muovono secondo un disegno complessivo, sono collegati in un complesso sistema di relazioni per cui ciascuno dipende dall'altro in un delicato equilibrio e questo insegna il senso della complessità. Bene, sino ad ora ho imparato tutto questo dagli scacchi a livello teorico e mi sta servendo nella vita... Il problema è che non riesco a metterlo in pratica sulla scacchiera e continuo a perdere malamente😅😅😅

Warnefrit

@Marimadda0 ma io ti amo! ♥️😹😹😹

Quoto alla grande

DirkFlasche

Marima, ma l'hai scritto tu o e citato da qualche libro? E' troppo bello, complimenti

Marimadda0

Grazie ragazzi, sono mie riflessioni che condivido con gli studenti quando cerco di far passare attraverso lezioni e progetti ciò che serve veramente nella vita. La scuola, in presenza o a distanza non importa, non è solo imparare a leggere/scrivere/far di conto, ma soprattutto imparare a "saper stare al mondo". E comunque a scacchi perdo pure con gli studenti😂

Morgana76

Lupodellasila Sono pienamente d'accordo con te!

OtW47
Marimadda0 ha scritto:

Pensare prima di muovere insegna a pensare prima di parlare, pensare prima di agire. Subire le conseguenze delle proprie azioni ( hai mosso malamente? Perdi un pezzo) insegna il senso della responsabilità. Tutti i pezzi che si muovono per difendere il proprio re insegna il senso del gruppo che lavora solidale non ognuno per sé, ma ognuno per l'obiettivo  comune, anche sacrificandosi se necessario. I pezzi non sono appiccicati gli uni agli altri a caso, ma si muovono secondo un disegno complessivo, sono collegati in un complesso sistema di relazioni per cui ciascuno dipende dall'altro in un delicato equilibrio e questo insegna il senso della complessità. Bene, sino ad ora ho imparato tutto questo dagli scacchi a livello teorico e mi sta servendo nella vita... Il problema è che non riesco a metterlo in pratica sulla scacchiera e continuo a perdere malamente😅😅😅

👍🏻

piattifumanti

Credo che ci voglia molta pià abilità nel "pensare lentamente" mantenendo nel tempo l'adeguata lucidità riflessiva, piuttosto che destreggiarsi in una raffica  di decisioni immediate in alcuni minuti. Forse sono abilità diverse, per carità, però ammiro molto di più chi dopo ore riesce a mantenere una capacità di valutazione di situazioni e ipotesi di gioco molto profonde.

PaulDune

salve, sono nuovo, è molto interessante questo "club". io condivido quel che dice lupo. quanto "rompe" quando ci accorgiamo che non avevamo visto un attacco o un pericolo e l'avversario con una mossa semplice rompe il nostro castello mentale... guardare prima di pensare, pensare prima di muovere.