x
Chess - Play & Learn

Chess.com

FREE - In Google Play

FREE - in Win Phone Store

VIEW

La Partita Spagnola

Carlo_Gasparini
Feb 10, 2016, 11:21 AM 0

La partita spagnola o apertura spagnola (chiamata anche Ruy López nei paesi anglofoni) è un'apertura molto popolare del gioco degli scacchi, adottata dai più grandi giocatori di ogni epoca quali Steinitz, Lasker, Capablanca, Alekhine, Keres, Tal, Spassky, Fischer, Kasparov, Karpov, Korchnoi, Kramnik, Anand, Lékó.

 

È caratterizzata dalle mosse:
1.e4 e5
2.Cf3 Cc6
3.Ab5
Le analisi di questa apertura sono state sviluppate molto in profondità, e solo i giocatori più esperti
sono in grado di capirne fino in fondo tutti gli aspetti tattici e posizionali. Si considera che la
conoscenza approfondita della partita spagnola sia un segno di completezza scacchistica.
Furono gli spagnoli Luis Ramirez Lucena e Ruy López de Segura, nel XVI secolo, a capire per
primi l'efficacia di questo impianto. Una prima considerazione teorica del tratto "Af1-b5" risale al
2
1561, quando a Madrid apparve il libro Libro de la invencion liberal y arte de juego de Axedrez
scritto da Ruy López de Segura, benché Lucena avesse menzionato il tratto del testo 60 anni prima
senza però intendimenti teorici.


Indice
· 1 Strategia
· 2 Varianti
o 2.1 La variante di cambio
o 2.2 La difesa berlinese
o 2.3 Il gambetto Jaenisch
o 2.4 La difesa Steinitz
o 2.5 Difesa Cordel
o 2.6 Difesa Alapin
o 2.7 La difesa Steinitz ritardata
o 2.8 La variante aperta
o 2.9 L'attacco Marshall
o 2.10 La variante chiusa
2.10.1 La variante Cigorin
2.10.2 La variante Breyer
2.10.3 La variante Zaitsev
· 3 Codici ECO
· 4 Bibliografia
Strategia
Con 3.Ab5, il Bianco attacca indirettamente il pedone debole e5 minacciando di cambiare il proprio
alfiere col Cc6. Da notare che questa minaccia al momento non è attuabile, in quanto dopo la
sequenza 4.Axc6 dxc6 5.Cxe5, seguirebbe 5…Dd4 riguadagnando il pedone. Per questo motivo la
risposta più frequente del nero è:
3…a6
questa mossa è stata introdotta nella pratica da Morphy nel XIX secolo. Se l'alfiere cattura il
cavallo, il Nero rimane con la coppia degli alfieri, seppure a prezzo di un leggero indebolimento
della propria struttura pedonale. Se l'alfiere si ritira in a4 il Nero ha l'opzione prima o poi di
rimuovere definitivamente la minaccia sul Cc6 mediante la spinta b7-b5.
La strategia del Bianco è riassumibile nei seguenti punti:
· sviluppare rapidamente i propri pezzi per favorire un rapido arrocco
· posizionare una torre sulla colonna "e" per difendere il pedone e4. Questo ha due ulteriori
vantaggi:
o libera eventuali pezzi leggeri che fossero impegnati in difesa, pezzi che è bene
possano avere la maggiore mobilità possibile nel mediogioco, a differenza delle torri
che entrano in gioco mediamente più avanti
o contrasta indirettamente la spinta avversaria in d5 in quanto il pedone e5 potrebbe
finire con il trovarsi sotto attacco da parte di un pezzo in più.
3
· cercare di ottenere un centro di pedoni d4-e4. Per fare questo spesso il Bianco rimanda la
spinta del pedone centrale d2-d4 ad un momento più opportuno, dopo averla preparata con
c3
· tenere sotto pressione il cavallo c6 con l'alfiere campochiaro al fine di lottare per il controllo
delle importanti case centrali d4 ed e5, sempre nell'ottica di costituire prima o poi un
compatto centro di pedoni.
La strategia del Nero è riassumibile nei seguenti punti:
· cercare di pervenire alla spinta in d5 per costituire a sua volta un centro di pedoni
· rimuovere la pressione sul Cc6 per avere gioco più libero al centro messo sotto pressione dal
Bianco
· sviluppare rapidamente l'ala di re e arroccare in vista di possibili aperture del centro
· fare pressione sul pedone in e4 bianco per favorire la creazione del centro d5-e5 (di
frequente con le mosse, non nell'ordine: a6, b5, Ab7, Cf6, 0-0 e Tfe8)
· premere sul centro bianco cercando di impedire l'affiancamento centrale d4-e4
Questo in particolare si può vedere nella sequenza che porta alla posizione base della variante
chiusa.


Varianti
La partita spagnola può dare luogo a diverse varianti, alcune tra le più giocate sono:
· 3…a6 4.Axc6 dxc6: variante di cambio
· 3…Cf6 4.0-0: difesa berlinese
· 3…f5: gambetto Jaenisch
· 3…d6: difesa Steinitz
· 3…Ac5: difesa Cordel
· 3…Ab4 difesa Alapin
· 3…a6 4.Aa4 d6: difesa Steinitz ritardata
· 3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Cxe4: variante aperta
· 3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Ae7 6.Te1 b5 7.Ab3 0-0 8.c3 d5: attacco Marshall
· 3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Ae7 6.Te1 b5 7.Ab3 d6 8.c3 0-0 9.h3: variante chiusa. A sua volta la
teoria della variante chiusa si è estesa con sviluppi fino a oltre 20 mosse. Tra le sottovarianti
più giocate ci sono:
o 9…Ca5 variante Cigorin
o 9…Cb8 variante Breyer
o 9…Ab7 variante Zaitsev
4
La variante di cambio
3…a6 4.Axc6 dxc6
La ripresa 4…bxc6, per quanto giocabile, non si incontra quasi mai perché il Nero avrebbe un gioco
troppo passivo. 5.Cxe5 non dà niente per 5…Dg5 con gioco pari per cui il Bianco gioca 5.d4 exd4
6.Dxd4 Df6 7.e5! (un sacrificio di pedone in cambio di un grande vantaggio di sviluppo) 7…Dg6
8.0-0 Dxc2 8.Cc3 con chiaro vantaggio.
4.Axc6 dxc6
In questa variante il Bianco cede volontariamente l'alfiere campochiaro per danneggiare la struttura
pedonale dell'avversario. Uno degli obiettivi del Bianco in questa variante è quello di riuscire a
cambiare tutti i pezzi fino ad entrare in un finali di pedoni molto favorevole se non vinto. Se il
Bianco riesce ad arrivare a un finale senza pezzi con la seguente struttura:
Struttura dei pedoni risultante dalla variante di cambio
la partita è quasi automaticamente vinta. Il Nero non sarà in grado di liberarsi dell'impedonatura
sull'ala di donna e il Bianco si ritrova in pratica a giocare un finale con un pedone in più:
l'importante è che il Bianco non cambi mai con axb o cxb, un cambio bxc o bxa del Nero non fa si
che il Nero possa crearsi un pedone passato sull'ala di donna, anche se ha una teorica maggioranza.
Il Nero non deve sottovalutare questa velenosa variante. Soprattutto deve cercare di non cambiare
pezzi, cosa che come detto avvantaggia il Bianco che ha una struttura pedonale migliore, e in
special modo deve cercare di mantenere la coppia di alfieri, vero compenso dinamico del secondo
giocatore in questa variante.
5
Dalle considerazioni di cui sopra si può ben capire che la variante per lungo tempo più popolare per
il Bianco sia stata:
5.d4 exd4 6.Dxd4 Dxd4 7.Cxd4
giocata anche da Lasker in una famosa partita contro Capablanca nel torneo di San Pietroburgo del
1914. Con il tempo la tecnica difensiva del Nero si è affinata, portando questa variante ad essere
giocata di rado. Negli anni '60 del XX secolo la variante di cambio ha avuto nuova vita grazie al
contributo di Fischer che portò per un certo tempo in voga la mossa:
5.0-0
con l'intento di giocare in maniera più dinamica contro il centro nero, una visione contrapposta ad
una visione che può essere definita statica, che mirava solamente a valorizzare il vantaggio dovuto
alla migliore struttura pedonale. Il Nero dopo la quinta mossa del Bianco si ritrova con un pedone
attaccato che deve essere difeso. Le risposte più comuni del Nero in questa variante sono:
· 5…f6 difendendo direttamente il pedone, posizione che porta ad un gioco più manovrato
· 5…Ag4 difendendo indirettamente il pedone, posizione che porta ad un gioco più tattico.
Uno sviluppo tipico può essere:
o 6.h3 h5 e l'alfiere non può essere preso pena un attacco da matto dopo 7.hxg4 hxg4
8.Cxe5 Dh4
La difesa berlinese
3…Cf6
6
In questa variante il Nero si disinteressa dell'attacco indiretto portato al pedone e5 con la terza
mossa del Bianco e contrattacca immediatamente al centro, sviluppando nello stesso tempo un
pezzo. È considerata una difesa molto solida, nella quale il Nero ottiene di solito posizioni ristrette
ma senza punti deboli e difficili da attaccare. Se il Bianco non gioca con energia è facile che il Nero
riesca a prendere il sopravvento.
Diagramma 1
Uno sviluppo tipico può essere quello illustarto nel diagramma 1:
4.0-0 Cxe4 5.d4 Cd6 6.Axc6 dxc6 7.dxe5 Cf5 8.Dxd8 Rxd8
con gioco pari.
A vedere la posizione risultante da questa sequenza il Bianco è apparentemente in grande
vantaggio:
· ha un avamposto centrale costituito dal pedone e5
· il re è arroccato mentre il re avversario ha perso il diritto di arroccare ed è rimasto al centro
· è in vantaggio di sviluppo
· ha una struttura pedonale migliore mentre il Nero ha una brutta impedonatura in c6
Eppure a dispetto di tutto ciò non è facile per il Bianco trovare un piano di gioco in grado di
sfruttare queste caratteristiche:
· il Bianco per sfruttare appieno le possibilità della posizione avrebbe bisogno proprio
dell'alfiere campochiaro che ha cambiato in c6
· il pedone in e5 rende l'alfiere camposcuro in qualche modo "cattivo"
· il pedone in e5 può essere attaccato dai pezzi del Nero e nello stesso tempo la sua difesa
pone al Bianco altri problemi strategici: qualora venisse difeso con f2-f4, i pedoni bianchi
finirebbero per limitare ancora più l'alfiere superstite del Bianco.
In generale come detto il Bianco deve giocare con molta energia. Una condotta eccessivamente
prudente darebbe al Nero il tempo di disporre i propri pezzi e di reagire con forza, anche grazie al
possesso della coppia degli alfieri e alla natura aperta della posizione.
7
Il gambetto Jaenisch
3…f5
In questa variante, proposta da Carl Jaenisch, Il Nero si disinteressa dell'attacco portato
indirettamente al pedone e5 dall'alfiere b5 e contrattacca al centro offrendo un pedone, sulla
falsariga della partita viennese in contromossa. C'è da dire che il Bianco non ha convenienza a
prendere in f5, in quanto dopo 4.exf5 e4 il cavallo non può essere riposizionato facilmente.
Il Bianco reagisce di solito puntellando il pedone in e4. Questo può essere fatto in due modi:
· 4.d3 che porta a un gioco più posizionale
· 4.Cc3 che porta a un gioco molto più tagliente. Possibili sviluppo di quest'ultima variante
può essere:
o 4…fxe4 5.Cxe4 d5 6.Cxe5 dxe4 7.Cxc6 Dg5
7…Dd5 con posizioni a doppio taglio.
La difesa Steinitz
3.…d6
Questa variante, detta anche vecchia difesa Steinitz, è solida, ma passiva e contratta. Sebbene fosse
la favorita del campione del mondo Wilhelm Steinitz e sia stata giocata in seguito anche da Lasker,
Capablanca, e Smyslov, oggi è adottata di rado. Il Bianco può costringere l'avversario a rinunciare
al centro, ma senza conseguenze decisive.
8
Difesa Cordel
3…Ac5
Questa difesa, chiamata anche difesa classica, prende il nome da Oskar Cordel, giocatore e teorico
tedesco attivo nella seconda metà del XIX secolo. Il bianco può giocare subito 4. Cxe5,
approfittando del fatto che dopo 4. ...Cxe5 può riprendere il pezzo con 5. d4. Il nero può però
giocare 4. ...Axf2+, dopodiché la partita assume un carattere molto tattico con sviluppi
imprevedibili. È giocata raramente ad alto livello perché si entra spesso fin dall'inizio della partita
in posizioni molto aperte dallo sviluppo incerto. Si preferisce sviluppare l'alfiere in c5 dopo aver
giocato 3. ...a6 4. Aa4 b5 5. Ab3 Ac5 (variante Möller).
Difesa Alapin
3…Ab4
Questa difesa, giocata spesso alla fine del XIX secolo ed ai primi del XX secolo da Simon Alapin,
oggi è abbandonata dai Grandi Maestri ed è davvero difficile trovarla in tornei agonistici.
9
La difesa Steinitz ritardata
3.…a6 4.Aa4 d6
A differenza della difesa Steinitz in questo caso sono state interposte le mosse 3…a6 4.Aa4. Questa
circostanza è giudicata favorevole al Nero in quanto la pressione sul Cc6 in questo caso è minore,
potendo essere eliminata con la spinta b7-b5.
Tra le continuazioni più giocate in questa variante si hanno:
· 5.0-0
· 5.Axc6
· 5.d4
· 5.c3
quest'ultima può dare luogo a una delle varianti più violente, e più teorizzate, dell'intera teoria delle
aperture, la cosiddetta variante siesta caratterizzata dalla spinta 5…f5, sostenuta già da Capablanca.
La variante aperta
3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Cxe4
A lungo la variante prediletta da Korchnoi, come dice il nome dà un carattere più aperto alla
posizione rispetto alla variante principale o chiusa, nella quale non è raro che non vengano cambiati
pezzi o pedoni per più di 20 mosse.
10
La continuazione più usata è la seguente
6.d4 b5 7.Ab3 d5 8.dxe5 Ae6
con gioco pari. Tra le principali risposte del Bianco si hanno:
· 9.c3
· 9.Cbd2
· 9.Ae3
L'attacco Marshall
3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Ae7 6.Te1 b5 7.Ab3 0-0 8.c3 d5
Ideato e giocato per la prima volta dall'americano Marshall contro Capablanca nel torneo di New
York del 1918 è diventata nel tempo un'arma temibile contro la spagnola, sia per la natura
estremamente tattica della posizione che per l'enorme estensione teorica che ha assunto, al punto
che molti giocatori preferiscono evitarlo con il Bianco giocando altre mosse all'ottavo tratto (8.a4,
8.d3). Uno sviluppo tipico è:
9.exd5 Cxd5 10.Cxe5 Cxe5 11.Txe5 c6 12.d4 Ad6
e il Nero ha l'iniziativa e ottime prospettive sul lato di re, dove il Bianco non ha più difensori e a
seguito dell'attacco Dh4 sarà anche costretto a indebolirsi con la spinta 'g3.
11
La variante chiusa
3…a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Ae7 6.Te1 b5 7. Ab3 d6 8.c3 0-0 9.h3
3…a6
Con la sua terza mossa, come detto, il Nero interroga le intenzioni dell'alfiere campochiaro del
Bianco.
4.Aa4
Il Bianco ritira l'alfiere, pronto a prendere in c6 in circostanze più favorevoli.
4…Cf6
Il nero attacca immediatamente il centro bianco sviluppando nello stesso tempo un pezzo.
5.0-0
Il Bianco ignora l'attacco contro il pedone e4. Se anche il Nero prendesse in e4 non sarebbe in grado
per motivi tattici di mantenere il pedone in più e dovrebbe restituirlo in breve tempo.
5…Ae7
Il Nero sviluppa un pezzo e si para da eventuali inchiodature sulla colonna "e" conseguenti alla
cattura del pedone e4. Ora il pedone e4 è realmente in pericolo e va difeso.
6.Te1
Il Bianco difende il pedone in e4 sviluppando un altro pezzo che mette indirettamente sotto
pressione il pedone e5 del Nero, impedendo la spinta di liberazione in d5 che costerebbe un pedone.
Difendendo il pedone e4 ottiene un altro risultato: non essendo possibile un contrattacco sul pedone
e4 il pedone e5 è ora realmente in pericolo.
6…b5
Il Nero rimuove l'attacco contro il cavallo difendendo implicitamente il pedone e5.
12
7.Ab3
Forzata. Mette sotto controllo la casa d5 e il pedone f7, ma lo fa da una casa meno esposta di quanto
non sia c4 come nella partita italiana
7…d6
Il Nero sostiene il pedone e5, rinuncia per il momento alla spinta in un solo tempo in d5, apre la
strada all'Ac8 e libera il Cc6 dalla difesa del pedone centrale. A questo punto è possibile anche
7…0-0 che minaccia di entrare in una delle linee più violente, il gambetto Marshall.
8.c3
Prepara la spinta in d4 preparandosi a rispondere con cxd4 a exd4 stabilendo un forte centro di
pedoni. Con questa mossa viene anche data una casa di fuga all'afiere nel caso in cui questo venisse
attaccato con Ca5.
8…0-0
Il Nero arrocca e toglie il re dal centro della scacchiera. Non rimane che sviluppare l'Ac8 per
completare lo sviluppo dei pezzi leggeri.
9.h3
Il Bianco effettua una mossa profilattica impedendo Ag4. È possibile anche 9.d4, ma la pratica ha
dimostrato che dopo 9…Ag4 il Nero ottiene buon gioco. Ora invece la spinta in d4 non può essere
più impedita.
A questo punto il Nero ha numerose alternative, ognuna delle quali ha dato origine a una variante a
se, spesso analizzata ben oltre le 20 mosse. Tra le alternative più giocate ci sono:
· 9…Ca5: variante Cigorin
· 9…Cb8: variante Breyer
· 9…Ab7: variante Zaitsev
La variante Cigorin
9…Ca5
13
Lo scopo della mossa è quello di realizzare la spinta c5 per contrastare il piano del Bianco di
spingere in d4. Il Nero non è in grado di impedire tatticamente al Bianco di spingere in d4, ma può
giocare per mettere sotto pressione immediatamente il centro che si sta per realizzare. Notare che
questo può essere fatto perché il pedone e5 è protetto anche dal pedone d6, cosa che libera il Cc6
dalla sua difesa. A questo stadio della partita il Bianco cercherà di mantenere in gioco il suo alfiere
campochiaro, ragion per cui il gioco solitamente procede con:
10.Ac2 c5 11.d4
portando alla posizione base della variante Cigorin della partita spagnola:
10.Ac2 c5 11.d4
Ora il Nero ha davanti a se il problema di come difendere il pedone e5 minacciato. Nel corso degli
anni sono state tentate diverse mosse, con alterne fortune. Tra queste le più giocate sono:
· 11…Dc7
· 11…Cc6
· 11…cxd4
La variante Breyer
9…Cb8
Lo scopo della mossa è quello di riposizionare il Cc6 in una posizione più favorevole. Il Nero a
questo stadio non può più impedire la spinta in d4 del Bianco, ma può cercare di tenere sotto
pressione il centro bianco con le spinte c5 o c6 (qualora il Bianco realizzi la doppia spinta d2-d4-
14
d5). Per fare questo deve rimuovere il Cc6 e questo può essere fatto in due modi: con la presente o
con la mossa di Cigorin 9…Ca5 approfittando del fatto che il pedone e5 è difeso dal pedone d6. È
questo il momento appropriato per un tale piano in quanto dopo la spinta in d4 del Bianco non sarà
più possibile spostare il cavallo che sarebbe così vincolato alla difesa del pedone e5 riducendo
considerevolmente la mobilità della posizione nera, impossibilitata così a realizzare spinte efficaci
contro il centro bianco. In questa variante il gioco solitamente prosegue con:
10.d4 Cbd7 11.Cbd2 Ab7 12.Ac2 Te8
con gioco pari.
La variante Zaitsev
9…Ab7
A differenza delle varianti Cigorin e Breyer nella variante Zaitsev il Nero invece di determinare
immediatamente la nuova posizione del Cc6 mette sotto pressione il pedone e4 del Bianco. In
questo modo anche dopo la spinta d4 il Cc6 potrà essere spostato grazie al contrattacco contro il
pedone e4. Per questo motivo la variante Zaitsev è considerata più flessibile delle altre varianti, non
determinando immediatamente quale sarà la struttura pedonale del Nero come nella variante
Chigorin o la posizione del Cc6 come nella variante Breyer, lasciando più opzioni al secondo
giocatore. Questo spiega la sua crescente popolarità nel corso degli anni e l'estensione teorica
raggiunta, ben oltre le 20 mosse di scacchi.
15
Codici ECO
· C60 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5
o C61 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Cd4 Variante Bird
o C62 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 d6 Difesa Steinitz
o C63 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 f5 Gambetto Jaenisch
o C64 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Ac5 Variante Cordel
o C65-C67 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Cf6 Difesa berlinese
o C68-C69 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Axc6 Variante di cambio
o C70 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 varianti minori
o C71-C76 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 d6 Difesa Steinitz ritardata
o C77 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 varianti minori
o C78 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 varianti minori
o C79 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 d6 variante russa
o C80-C83 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Cxe4 variante aperta
o C84 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 variante chiusa
o C85 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Axc6 variante di cambio
differita
o C86 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. De2 Attacco Worrall
o C87 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 d6 variante
Averbach
o C88 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 variante
chiusa, varianti minori
o C89 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0 8. c3
d5 Attacco Marshall
o C90 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0 8. c3
d6 variante chiusa, varianti minori
o C91 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0 8. c3
d6 9. d4 variante chiusa, 9. d4
o C92 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0 8. c3
d6 9. h3 Ab7 variante Zaitsev
o C93 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0 8. c3
d6 9. h3 h6 variante Smyslov
o C94-C95 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0
8. c3 d6 9. h3 Cb8 variante Breyer
o C96-C99 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Ae7 6. Te1 b5 7. Ab3 0-0
8. c3 d6 9. h3 Ca5 variante Cigorin

Online Now