Articoli
Boris Spassky Frantuma La Najdorf Di Fischer: Partita 11

Boris Spassky Frantuma La Najdorf Di Fischer: Partita 11

NathanielGreen
| 36 | Partite spettacolari

L'ultima volta che abbiamo parlato del Campionato del Mondo del 1972, eravamo rimasti alla vittoria del GM Bobby Fischer nella brillante sesta partita, con la quale era andato a guidare il match. Giunti all'11° turno, la situazione era ulteriormente degenerata per il campione uscente, il GM Boris Spassky, ormai alle corse. Spassky aveva perso anche le due partite seguenti con il Nero ed era solo riuscito a pareggiare due partite con il Bianco. Di conseguenza, Fischer era a quel punto in vantaggio per 6,5-3,5, con cinque vittorie contro due e tre patte.

Tanto per dirla in altra maniera, il margine di Spassky si era ribaltato da un +2 ad un -3 in appena un terzo della lunghezza prevista per il match: tra la terza e la decima partita Spassky aveva perso ben cinque partite, resistendo con solo tre patte. Il campione del mondo in carica aveva disperatamente bisogno di un ristoro.

Sembrava però improbabile davanti ad una delle aperture più temute di Fischer, comparsa alla partita 11 del match, la Variante del Pedone Avvelenato della Variante Najdorf della Difesa Siciliana. Esattamente come Fischer non era mai riuscito a sconfiggere Spassky prima del 1972, così Robert James non aveva mai perso con nessuno nella sua variante di apertura prediletta.

50 year anniversary Fischer Spassky Rafael Leitao Annotations Game 1

Boris Spassky ha vinto tre partite durante il match, e ciascuna di esse ha aspetti peculiari. La prima è stata decisa da due sviste da parte di Fischer in un finale pari; la seconda è stata un dono: lo sfidante si è rifiutato di giocare. Ma l'undicesima partita è un misto delle due cose: è caratterizzata da errori, sì, ma anche dalla sensazione che il vero Fischer non fosse del tutto presente per il duello. Ciò si è verificato per un motivo: la temuta squadra sovietica aveva preparato una mossa nuova in una delle linee più critiche della Difesa Najdorf. Sorpreso in apertura, Fischer ha risentito della pressione. Ciò spiega perché abbia giocato ancora una sola volta la Najdorf nel resto del match, per di più evitando la Variante del Pedone Avvelenato.

Solo da qui in avanti si poté dire che Fischer aveva perso una partita nella Variante del Pedone Avvelenato. Dopo di essa, giocò appena altre 40 partite in totale a cadenza classica, tutte contro Spassky; in nessuna di queste scelse questa linea, apparentemente convinto, persino nel loro match giocato 20 anni dopo, che Spassky vi si sarebbe trovato in vantaggio.

A Spassky furono accreditate ufficialmente tre vittorie nell'intero match di campionato: al primo turno, Fischer aveva giocato la dubbia 29...Axh2 perdendo in 56 mosse; al secondo turno Fischer non si fece nemmeno vedere. Nell'interpretazione storica del match, ad entrambe le partite fu attribuito un asterisco... specialmente nella seconda, per ovvi motivi. Ma questo tipo di lotta era quello in cui Spassky poteva dare il suo meglio assoluto. 

Fu la prima partita del match, e alla fin fine anche l'unica, in cui Spassky giocò meglio di Fischer. Secondo l'analisi del motore di Chess.com alla massima profondità, Spassky giocò con una precisione complessiva del 99,4% e senza nemmeno una mossa imprecisa.. 

1972 World Chess Championship Fischer Spassky 50th Chess.com
Anche davanti alla difesa subottimale di Fischer, Spassky non inciampò nemmeno una volta.

Come ben sanno gli scacchisti più avanti con gli anni, i fan della serie La Regina Degli Scacchi e i lettori di questa serie di articoli, i principali eventi scacchistici prevedevano l'aggiornamento delle partite dopo la 40esima mossa, cioè si terminava di giocare nel giorno successivo; ciò finché l'avvento dei supercomputer scacchistici non ha reso obsoleta questa pratica. La partita numero 11 non richiese un aggiornamento, poiché Spassky aveva vinto in modo schiacciante.

La partita ricordò in modo bruciante che Spassky non era solo carne da macello per Fischer: questo giocatore era il Campione del Mondo! È troppo facile pensare a Spassky come "quello che nel 1972 perse" e non come uno dei migliori giocatori della storia degli scacchi, uno che avrebbe potuto vincere in qualsiasi tipo di posizione.

La partita ricordò in modo bruciante che Spassky non era solo carne da macello per Fischer: questo giocatore era il Campione del Mondo!

Non aiuta il fatto che, a causa della vittoria del match da parte di Fischer con quattro punti di vantaggio nonostante le due partite perse all'inizio, questa del 1972 sia da sempre considerata una disfatta rovinosa per Spassky... tutto sommato, a ragione.

Ma dopo le prime 11 partite Spassky aveva solo due punti meno dell'avversario, e mancavano ancora 13 turni. Inoltre, essendo campione in carica, gli sarebbe bastato terminare il match in parità per conservare la corona.

Anche se le cose al di fuori delle 64 caselle si erano un po' calmate rispetto ai prodromi del match e alle prime due partite, Fischer è sempre stato prono a crolli improvvisi; nessuno poteva essere certo della sua reazione se il divario si fosse ulteriormente ridotto. In effetti, ignoto ai più, quasi si verificò un disastro alla 17esima partita del match, quando di fatto sulla scacchiera Fischer stava navigando a ciel sereno.

Nella partita seguente, la 12esima, Spassky finalmente riuscì a reggere pareggiando con il Nero. Si trattava della sua prima patta con il Nero dal quarto turno del match! Questa Guerra Fredda in miniatura non si era ancora del tutto conclusa.

La 13esima partita fu tutta un'altra storia, e merita un altro racconto, dunque a presto!


Altri articoli sul 50° Anniversario del Match Fischer-Spassky:

Altro da NathanielGreen
Chi Ha Vinto Più Premi In Denaro Con Gli Scacchi Nel 2022 (E Quanto Ha Guadagnato)

Chi Ha Vinto Più Premi In Denaro Con Gli Scacchi Nel 2022 (E Quanto Ha Guadagnato)

La Storia Del Cheating Negli Scacchi

La Storia Del Cheating Negli Scacchi