Articoli
Bobby Fischer Vince Il Match Del Secolo

Bobby Fischer Vince Il Match Del Secolo

NathanielGreen
| 61 | Partite spettacolari

Il primo di settembre di mezzo secolo fa fu un giorno storico per gli scacchi, e tutto il mondo lo sapeva e teneva gli occhi puntati sull'evento. Il GM Bobby Fischer ce l'aveva fatta! Aveva lottato, quasi da solo, contro la macchina scacchistica sovietica e divenne così il primo campione del mondo di scacchi americano della storia. Il nostro racconto sul match del secolo si conclude con il resoconto della 21esima partita.

Quando vi abbiamo lasciato l'ultima volta dopo la 13esima partita del Campionato del Mondo 1972, Fischer aveva appena preso un vantaggio di tre punti sul GM Boris Spassky. Sette partite dopo, il vantaggio era rimasto tale, ma con 11,5 per Fischer e 8,5 per Spassky.

Pur essendo finite tutte patte, quelle partite non hanno creato equilibrio, hanno anzi in qualche modo amplificato il divario, facendo sì che il match fosse a quel punto praticamente chiuso: a Fischer non restava altro che vincere una partita (o pareggiare altre due volte) prima della 21esima e avrebbe così ottenuto i 12,5 punti complessivi necessari per diventare l'11° Campione del Mondo di scacchi ufficiale.

Il filmato dell'1 settembre dei due protagonisti che entrano nella sala da gioco si addice a questo momento: a Spassky viene dato ampio spazio, come ad un morto che cammina. Fischer, invece, giunge molto vicino all'entrata la sua auto, pressata dalla folla, si fa circondare dal servizio di sicurezza e poi in due balzi è già dentro l'edificio di gioco. Lo si vede a malapena. 

Dopo aver attraversato la folla e aver raggiunto la scacchiera, Fischer giocò la sua Difesa preferita, la Siciliana, ma non la variante che lo aveva portato alla disfatta nell'11esima partita. Scelse invece la Variante Taimanov (per trasposizione). Per pura coincidenza, Fischer aveva sconfitto il suo ideatore, il GM Mark Taimanov, per 6-0 mentre si spianava la strada per Reykjavik. Avendo impiegato quest'apertura per iniziare la sua corsa ai Candidati contro Taimanov, Fischer scelse di adottarla di nuovo per terminare il lavoro.

Il cambio si rivelò giustificato: dopo sette mosse, Spassky era già spiazzato.

50 year anniversary Fischer Spassky Rafael Leitao Annotations Game 1

Suppongo che a questo punto non rimanessero molti dubbi tra il pubblico e tra i giocatori sull'esito del match, ma la partita finale offre un interessante riassunto di quanto accaduto finora. Lo sfidante sorprese ancora una volta con la sua scelta di apertura, giocando la Variante Taimanov della Siciliana per la prima volta. Il gioco di Spassky non fu molto acuto durante l'apertura e il mediogioco.

Anche così si giunse a un finale tirato, ma un errore importante fu di colpo decisivo. Da fuori, con il motore e 50 anni dopo, è facile sottolineare gli errori tecnici che hanno deciso la partita. Ma la pressione che l'allora campione del mondo dovette sopportare prima e durante la partita... quella possiamo solo immaginarla.

Questa è la conclusione del match più atteso della storia degli scacchi, il culmine di una parabola fulminante del genio americano verso il titolo mondiale. Il più grande obiettivo della sua vita era così stato raggiunto. Con lo sgomento di tutti gli amanti degli scacchi, tuttavia, non avrebbe giocato nessun'altra partita fino al 1992, quando si sarebbe di nuovo seduto davanti allo stesso Spassky.

La partita fu aggiornata il 31 agosto. Tuttavia, invece di riprenderla il 1° settembre, Spassky abbandonò, telefonando all'arbitro, perdendo di conseguenza non solo la partita ma anche il match. Fischer ne fu sorpreso, ma si recò in sala gioco, firmò tutti i documenti e divenne ufficialmente campione del mondo. E adesso?

Spassky parlò con l'Associated Press subito dopo la partita e sembrò in qualche modo sollevato di non avere più le responsabilità legate all'essere campione del mondo. "Ho dovuto fare molte cose per gli scacchi, ma non per me stesso, come campione mondiale", disse loro. Spassky, da vero sportivo, aveva accettato queste responsabilità, sacrificando tutto ciò che avrebbe preferito dedicare a se stesso, e perse il titolo nel modo tradizionale. Ma è chiaro che anche i giocatori che non rinunciano al campionato, come invece hanno fatto Fischer e il GM Magnus Carlsen, possono uscire del tutto esausti da tutto ciò che il titolo porta con sé. 

Da parte sua, all'inizio sembrò che il nuovo campione si godesse i soliti tour tipici delle celebrità americane: il suo trionfale pellegrinaggio culminò con un'apparizione al Tonight Show di Johnny Carson nel novembre 1972.


For his part, at first the new champion seemed to enjoy the usual trappings of American celebrity. His victory tour culminated with an appearance on Johnny Carson's Tonight Show in November 1972. Molti sanno già come finisce questa storia, che non per questo è meno tragica. Non avendo forse mai avuto intenzione di difendere il titolo nel 1975, Fischer cercò di far modificare il formato del match, ma le trattative fallirono ed egli rinunciò al titolo. Nel frattempo, interruppe tutte le apparizioni pubbliche e non giocò più a scacchi. Fatta eccezione per la rivincita del 1992 con Spassky e per alcune altre uscite spurie, questo status rimase inalterato fino alla sua morte, avvenuta nel 2008. Inoltre, le poche apparizioni pubbliche rivelarono un'anima distrutta nel migliore dei casi e un antisemita accanito nel peggiore.

Il 1° settembre 1972, tuttavia, quel giocatore era sulla vetta del mondo degli scacchi. Allo stesso tempo, dopo il suo dominio assoluto nel periodo 1970-72, era chiaro che l'unica persona capace di fermare Fischer sarebbe stata Fischer stesso.


Altri articoli sul 50° Anniversario del Match Fischer-Spassky:

Altro da NathanielGreen
La Storia Del Cheating Negli Scacchi

La Storia Del Cheating Negli Scacchi

Chi Ha Vinto Più Premi In Denaro Nella Storia Degli Scacchi?

Chi Ha Vinto Più Premi In Denaro Nella Storia Degli Scacchi?