Notizie
Notizie
Caruana Vince Ancora, 1,5 Punti Di Vantaggio Al Norway Chess; È Terzo Al Mondo

Caruana Vince Ancora, 1,5 Punti Di Vantaggio Al Norway Chess; È Terzo Al Mondo

AnthonyLevin
| 0 | Cronaca evento scacchistico

Dopo aver vinto la sua seconda partita classica, contro il GM Aryan Tari, il GM Fabiano Caruana estende ora il suo vantaggio sugli altri nel Norway Chess 2023 ad un punto e mezzo, portandosi a 7,5/9.

Giovedì è stata una gran giornata per avere i pezzi neri: oltre alla vittoria del Nero nella partita già citata, c'è stata anche quella del GM Alireza Firouzja sul GM Nodirbek Abdusattorov, la sua seconda consecutiva a cadenza classica, che lo porta ora a 6/9; gli altri tre incontri si sono ricolti sì in favore del Nero, ma all' armageddon.

Dopo aver pareggiato la loro prima partita classica dopo quattro anni con circa 10 minuti di gioco, il GM Magnus Carlsen ha sconfitto il GM Hikaru Nakamura agli spareggi. Il GM Gukesh D è svicolato da una posizione inferiore e forse persa contro il GM Shakhriyar Mamedyarov vincendo poi con il Nero, mentre il GM Anish Giri ha sfruttato uno svarione di una mossa dando un doppio al GM Wesley So: i due si sono accordati per la patta, il che equivaleva ad una resa.

Il Norway Chess continua sabato 3 giugno a partire dalle 17:00 ora italiana (8 a.m. PT), dopo un giorno di riposo.

Come seguire il Norway Chess?
Puoi seguire la diretta italiana del Norway Chess 2023 su Chess.comIT/TV. Puoi anche goderti lo spettacolo dal nostro canale Twitch italiano o recuperare tutte le dirette passate dal nostro  canale YouTube. Le partite sono anche disponibili sulla pagina Eventi dedicata. Qui sotto riportiamo la diretta italiana del terzo turno (1 giugno 2023), condotta dalla WFM Maria De Rosa con il supporto del GM Luca Moroni!

La diretta inglese di mercoledì, condotta dai GM Judit PolgarDavid Howell e dalla IM Jovanka Houska.

Gli appassionati di scacchi hanno ricevuto in dono un'altra giornata di gioco combattuto, decisivo e a volte pieno di sbigottimento. Se non siete a Stavanger, godetevi la breve passeggiata qui sotto che vi farà entrare nella sede di gioco!

Nakamura-Carlsen

Questo è stato il primo incontro classico tra i due pesi massimi negli ultimi quattro anni: l'ultimo si è svolto alla Sinquefield Cup 2019. Anche se i loro scontri diretti più recenti a tempi brevi sono stati più equilibrati, Carlsen vanta 14 vittorie contro una a cadenza classica, con 25 patte.

So, Gukesh e Giri osservano durante le loro partite. Foto: Maria Emelianova/Chess.com.

Qualche ora prima di questo atteso incontro, Nakamura ha parlato al Norway Summit presentando: "Costruire una Strategia Vincente: la Visione del Grande Maestro Hikaru Nakamura sul Branding, sulla Creazione di Contenuti e sulla Monetizzazione" ("Building a Winning Strategy: Grandmaster Hikaru Nakamura's Insights on Branding, Content Creation, and Monetization". Uno dei punti da lui trattati è la filosofia che potrebbe essere definita "Letteralmente non mi importa", che per lui è stata liberatoria dal punto di vista psicologico.

TRADUZIONE: "In realtà mi sento sciolto [a giocare con Magnus stasera]. Uno dei vantaggi del costruire un marchio separato [...] dal punto di vista economico è che mi permette davvero di giocare come voglio giocare e non ho da preoccuparmi troppo del risultato". Nakamura al Norway Summit — Norway Chess

La prima partita è finita in 10 minuti: i due hanno ripassato i loro repertori nell'Attacco Marshall, Carlsen ha giocato una novità alla 29esima mossa e due mosse dopo ulteriori si sono dati la mano davanti ad una triplice ripetizione.

Carlsen dopo la partita ha detto così: "Se mi aveste dato una lista di possibili modi in cui la partita sarebbe potuta finire, quello che è successo sarebbe la prima opzione".

Ora, l'armageddon è stato molto più emozionante. Di solito non vediamo il Gambetto di Re, che ci riporta all'era Romantica degli scacchi, ma Nakamura ha tentato di farci rivivere quei bei vecchi tempi.

"Non credo che ci si aspetti mai il Gambetto di Re, ma non è stata una sorpresa sgradita", ha poi detto Carlsen.

"Non credo che ci si aspetti mai il Gambetto di Re, ma non è stata una sorpresa sgradita".

—Magnus Carlsen 

"Ci sono altri modi di giocare, di certo ci sono altri modi per sorprendere, meno piacevoli. Il punto è anche che il Gambetto di Re non è così male. Con una buona preparazione puoi almeno avere qualcosa di semi-giocabile con il Bianco, ma il fatto è che il Nero ha molti buoni modi per giocare e per i pezzi neri non è così difficile. Credo che sia questo il problema principale per il Bianco qui".

Ripetendo la stessa linea che ricordava di aver giocato nel 2004 per ottenere la sua ultima norma da GM, che riportiamo qui sotto, Carlsen non ha avuto problemi in apertura ed è andato a vincere una bella partita d'attacco.

Potete ascoltare il riassunto di Nakamura qui sotto, con le sue impressioni:

Caruana-Tari

Caruana, che ha definito questo "un inizio ideale" del suo torneo, ha raccolto un'ulteriore vittoria nella porzione classica. Il suo punteggio contro Tari è ora +3, con due patte e nessuna sconfitta.

Il capoclassifica, tale sia prima che dopo il turno, ha detto che la sua apertura dopo 4.dxc4 era pensata per giocare una partita lunga con una struttura pedonale fissata. Ha menzionato il fatto che questa scelta sia stata ispirata da questa partita Carlsen-Aronian del Norway Chess 2020, analizzata dal GM Dejan Bojkov.

"Stavo solo cercando di ottenere una partita molto lunga con struttura pedonale fissata", ha detto Caruana. Foto: Maria Emelianova/Chess.com.

Carlsen, che aveva già finito entrambe le sue partite e si era dunque unito ai commentatori, ha criticato 10...0-0 ("castling into it," avrebbe detto il GM Bobby Fischer, cioè arroccando in direzione dell'attacco), dicendo che Tari era probabilmente insicuro all'idea di Ah6 ma che "la cura è peggiore del male". Anche se il motore ritiene che il Nero stia bene, non è in grado di esprimersi sul fattore dello sconforto psicologico nel confrontare due posizioni.

Alla mossa 13 Tari ha reagito con troppo zelo con 13...c5?!, lottando per l'attività ma accollandosi alla fine un pedone isolato. Caruana ha giocato una partita modello contro questa debolezza, ad un certo punto persino rinunciando a catturarla e seguendo invece la massima di Aaron Nimzovich: "La minaccia è più forte dell'esecuzione".

La partita è terminata con un sacrificio di donna memorabile. Dalla cattura del pedone d5 in avanti, Caruana ha consumato solo 10 minuti in totale per le ultime otto mosse.

Per quanto riguarda il suo torneo, Carlsen ha detto: "Finora è stato abbastanza ideale... Ma non sono rilassato. Mancano ancora sei turni, e sono sei turni difficili. E ho avuto due dei miei Bianchi all'inizio". 

Caruana sale ed è ora il numero tre al mondo. Immagine: 2700chess.com.

Abdusattorov-Firouzja

Firouzja ha ottenuto la sua prima vittoria a tempo classico del torneo contro Abdusattorov, questo giovedì. L'unica altra partita da loro giocata in passato, all'Aeroflot Open del 2019, terminò patta.

La Difesa Semi-Slava del Gambetto di Donna Rifiutata è stata piuttosto tesa; Firouzja ha poi dichiarato: "Ha giocato alla grande, credo, con il Bianco; solo per un attimo avrebbe dovuto giocare solidamente o per il vantaggio e ha scelto di provare a vincere, cosa molto coraggiosa, ma ha calcolato male alcune cose".

Abdusattorov e Firouzja, giganti della prossima generazione. Foto: Maria Emelianova/Chess.com.

Non ha precisato a che punto esattamente Abdusattorov avrebbe potuto "tirare i freni", per così dire. Nonostante errori da parte di entrambi, Firouzja è emerso dal fumo con una posizione vincente. Ha dimostrato una forte tecnica in un finale non così banale di donna e pedone extra contro torre e cavallo, ottenendo gli ambiti 3 punti!

Questa lotta così sudata tra due grandi maestri della prossima generazione è la nostra Partita del Giorno, commentata qui sotto dal GM Rafael Leitao.


Quando gli hanno chiesto di valutare il suo livello di gioco, Firouzja ha risposto: "Nei primi turni è stato tentennante, ma oggi sono molto contento della mia partita. Contro Mamedyarov è stato tutto un su e giù, ma in generale credo sia decente, sebbene possa migliorare".

Nel 2023 ha giocato finora 12 partite, nove decisive e tre patte, con una performance di 2806.

Mamedyarov-Gukesh

Il prodigio indiano 17enne ha vinto questo scontro generazionale nella partita armageddon, dopo una patta senza colpi di scena, con il Nero.

Mamedyarovnon ha trovato un vantaggio con il Bianco nella prima partita, un'Inglese Simmetrica in cui è stato Gukesh a portare la prima idea nuova, 12...Dd7 (non l'unica) e il Bianco ha dovuto liquidare il suo pedone isolato c prima che diventasse una vera debolezza. I giocatori hanno sbaraccato poi tutti i pezzi dalla scacchiera.

I giocatori hanno terminato con più di un'ora a testa sull'orologio. Il loro storico classico è pari, con due patte e una vittoria a testa con il Bianco.

Nell'armageddon è stato Gukesh a deviare dalla prima partita con 2...Cc6 e poi ha determinato una struttura pedonale differente con 3...e5. Ha detto che la nuova apertura "non era parte del piano, ma immagino che abbia funzionato bene".

Al grande maestro indiano è sfuggita 6.h4!?, dopo la quale Mamedyarov ha ottenuto un attacco promettente.

Alla domanda su come si senta ad affrontare Carlsen sabato, Gukesh ha risposto: "Vediamo. Non ho ancora davvero pensato alla partita, ma quando mi preparerò prenderò una decisione... La tratto come una partita contro il giocatore di scacchi più forte al mondo e proverò a fare del mio meglio, vediamo quel che succede".



Un enorme sollievo per Giri che ha battuto Shakh in un armageddon da nevrosi. Foto: Maria Emelianova/Chess.com.

So-Giri

Negli scacchi classici questi giocatori sono sempre stati piuttosto equilibrati nell'abbinamento. Con tre vittorie ciascuno, giovedì hanno siglato la loro 22esima patta.

So non è riuscito a dimostrare di essere in vantaggio contro la Variante Semi-Tarrasch del Gambetto di Donna Rifiutato e, anche se il motore considera 30.Te7 un'opportunità sprecata, questa probabilmente non avrebbe cambiato l'esito della partita.

La seconda partita è stata una delusione totale per So. Dopo aver rivelato una novità in apertura con 12...c4, Giri è andato a surclassare il suo avversario con il Nero. Ha giocato un bel sacrificio di qualità alla mossa 25 e, alcune mosse dopo, con il pedone in più e con il gioco sul re avversario e sulle varie debolezze pedonali aveva compenso più che sufficiente.

Ma nulla di questo è stato rilevante alla fine: So, con quattro minuti contro tre, non ha visto un doppio in una mossa e ha giocato 35.De3??: anche se la posizione era giusto "pari" prima di allora, non era più possibile sperare dopo questo scivolone.

Entrambi sorridono dopo la catastrofe. Foto: Maria Emelianova/Chess.com.

Alla domanda su come si stia sentendo al torneo finora, Giri ha risposto: "Credo vada bene... ci sono alcuni momenti da migliorare qui e là... Più importante del livello di gioco, credo che finora il punteggio sia andato bene. Negli ultimi due giorni la porzione classica è stata dura, quindi mi stavo solo difendendo... ma dopotutto abbiamo appena iniziato".

Sul valore di questi mezzi punti extra assegnati con le partite armageddon, ha detto: "Credo che alla fine un mezzo punto determinerà una posizione o l'altra, diciamo tra terza e quarta, seconda o terza, o anche prima e seconda".

Risultati del Turno 3

Abbinamenti del Turno 4

Scacchiera Elo Bianco Nero Elo
1 2732 Gukesh D Magnus Carlsen 2853
2 2768 Anish Giri Hikaru Nakamura 2775
3 2642 Aryan Tari Wesley So 2760
4 2785 Alireza Firouzja Fabiano Caruana 2764
5 2738 Shakhriyar Mamedyarov Nodirbek Abdusattorov 2731

Il Norway Chess 2023 è un torneo d'èlite che si gioca a tavolino a Stavanger, in Norvegia. L'evento inizia il 29 maggio alle 19:00 ora italiana (10 a.m. PT) con un torneo blitz, seguito dall'evento classico, che ha inizio alle 17:00 ora italiana del 30 maggio. 

I 10 giocatori si sfidano in un torneo all'italiana di sola andata in cui ricevono 3 punti per una vittoria alla partita classica, 1,5 per la patta seguita dalla vittoria all'armageddon, 1 punto per la sconfitta all'armageddon e 0 punti in caso di sconfitta nella partita classica. Il giocatore che aveva il Bianco nella classica mantiene il Bianco anche nell'armageddon. La cadenza di gioco per la fase classica è di 120 minuti per l'intera partita, con incremento di 10 secondi per mossa a partire dalla 41. Nella partita armageddon, il Bianco inizia con 10 minuti e il Nero con sette, ma gioca a due risultati; l'incremento per entrambi inizia alla mossa 41 ed è di un secondo a mossa.


Articoli Precedenti:

Altro da NM AnthonyLevin
Cinque cose che abbiamo imparato al Chessable Masters 2024

Cinque cose che abbiamo imparato al Chessable Masters 2024

Carlsen vince il Chessable Masters 2024

Carlsen vince il Chessable Masters 2024